Home

 Chi siamo

 

 Compenso

 

 Utilità

 E-mail
 

 

ARTICOLI


protocollo d'intesa sul processo civile telematico tra il Tribunale di Nola ed il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Nola 


l'accertamento della  velocità attraverso gli strumenti di rilevazione elettronica

 

la tutela del viaggiatore nei contratti di trasporto

 

il nuovo istituto della mediazione civile

 

la tutela del possesso e le azioni nunciatorie

 

l'azione di risarcimento danni derivante dalla circolazione di autoveicoli

 

il procedimento per convalida di sfratto


il regolamento europeo GDPR 679-16 sulla protezione dei dati personali (pubblicato su www.privacy.it)


NEWS


Il risarcimento del danno spetta anche al convivente more uxorio

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, con ordinanza n. 14746, del 29/05/2019, ha statuito che in tema di liquidazione del danno non patrimoniale, le tabelle del Tribunale di Milano prevedono espressamente l'equiparazione tra convivenza more uxorio e convivenza coniugale fondata sul matrimonio.


L'amministratore di sostegno può rifiutare i trattamenti sanitari necessari al mantenimento in vita dell'amministrato solo con l'autorizzazione del Giudice Tutelare

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 144, del 13/06/2019, ha respinto la questione di legittimità costituziomale relativa all'art. 3 commi 4 e 5 della L. 219/17, statuendo che il conferimento all'amministratore di sostegno della rappresentanza esclusiva in ambito sanitario non reca con sé, necessariamente, il potere di rifiutare i trattamenti sanitari per il mantenimento in vita, spettando al Giudice Tutelare il potere di attibuirglielo al momento della nomina, laddove in concreto già ne ricorre l'esigenza, o successivamente, allorché il decorso della patologia del beneficario ne richieda la nomina.


Il superamento del limite di velocità può essere accertato in modo automatico solo nelle strade urbane di scorrimento munite di banchina

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con sentenza n. 16622, del 20/06/2019, ha statuito che il provvedimento prefettizio di individuazione delle strade lungo le quali è possibile installare apparecchiature automatiche per il rilevamento della velocità, senza obbligo di fermo immediato per il conducente, previsto dall'art. 4 del D.L. 121/02, può includere soltanto le strade del tipo imposto dalla legge mediante classificazione di cui all'art. 2 commi 2 e 3 del C.d.S. e non altre, dovendosi perciò considerarsi illegittimo e, pertanto, disapplicabile nel giudizio di opposizione a sanzione amministrativa, il provvedimento prefettizio che abbia autorizzato l'installazione delle suddette apparecchiature in una strada urbana che non abbia tutte le caratteristiche minime della strada urbana di scorrimento, in base alla definizione del citato art. 2 co. 2 lett. d) C.d.S. (nello specifico, la sanzione era stata accertata in modo automatico su strada urbana di scorrimento individuata con decreto prefettizio che,  per essere qualificata come tale, doveva essere munita di banchina in senso proprio, ossia di uno spazio all'interno della sede stradale, eserno rispetto alla carreggiata, destinato al passaggio di pedoni o alla sosta di emergenza che, oltre a restare libero da ingombri, deve avere una larghezza tale da assolvere allo svolgimento delle predette funzioni).


La notifica via pec può essere eseguite entro le ore 24 anziché entro le ore 21

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 75, del 09/04/2019, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 16 septies del D.L. 179/12, convertito, con modificazioni, nella L. 221/12,  nella parte in cui prevede che la notifica eseguita con modalità telematiche, la cui ricevuta di accettazione è generata dopo le 21 ed entro le ore 24, si prefeziona per il notificante alle ore 7 del giorno successivo anziché al momento di generazione della predetta ricevuta


Il creditore munito di titolo esecutivo può pignorare i contributi condominiali

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con sentenza n. 12715, del 14/05/2019, ha statuito che il creditore che disponga di un titolo esecutivo nei confronti del condominio stesso, ha facoltà di procedere all'espropriazione di tutti i beni condominiali, ai sensi degli artt. 2740 c.c. e 2910 c.c., ivi inclusi i crediti vantati dal condominio nei confronti dei singoli condomini per i contributi dagli stessi dovuti in base a stati di ripartizione approvati dall'assemblea, in tal caso nelle forme dell'espropriazione dei crediti presso terzi di cui agli artt. 543 c.p.c. e seguenti.


E' valida la clausola di un contratto di locazione ad uso diverso dall'abitativo con la quale il conduttore  si  obbliga a rimborsare al locatore  ogni  imposta  pagata  sul bene  locato

La Corte Suprema di Cassazione, Sezioni Unite, con la sentenza n. 6882, del 08/03/2019, ha statuito che è lecita la clausola contrattuale con la quale le parti stabiliscono in capo al conduttore ogni tassa, imposta e onere relativo ai beni locati, tenendo conseguentemente manlevato il locatore  relativamente agli stessi, e che il locatore  sarà tenuto  al pagamento di  tasse, imposte ed oneri relativi al proprio reddito.


Per l'esercizio dell'azione concessa al terzo trasportato ai sensi dell'art 141 del Codice delle Assicurazioni occorre sempre la responsabilità del vettore

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con ordinanza n. 4147, del 13/02/2019, ha statuito che l'art. 141 del D.Lgs 209/05, in riferimento alle conseguenze del caso fortuito - nella giuridica accezione di condotte umane - come limite all'obbligo risarcitorio del vettore verso il terzo trasportato danneggiato nel sinistro, richiede che il vettore sia almeno corresponsabile del sinistro quale presupposto della condanna risarcitoria del suo assicuratore; una volta accertato l'an della responsabilità del vettore, non occorre accertare la misura di responsabilità dei conducenti dei veivoli coinvolti, dovendo l'assicuratore risarcire in toto il trasportato, salva  eventuale rivalsa verso l'assicuratore di altro corresponsabile o di altri corresponsabili nella causazione del sinistro.


La società di leasing non risponde delle violazioni commesse dall'utilizzatore

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile - 2, con ordinanza n. 7701, del 19/03/2019, ha statuito che in tema di violazioni amministative per il mancato rispetto di norme del codice della strada commesse dal conducente di un veicolo in leasing, è obbligato in solido con il trasgressore solo l'utilizzatore del veicolo, e dunque il locatario del contratto di leasing, e non il proprietario del veicolo stesso. Si tratta di un'ipotesi di responsabilità alternativa e non concorrente ex art. 196 C.d.S. poiché solo l'utilizzatore ha la disponibilità giuridica del godimento del bene e quindi la possibilità di vietarne la circolazione.


Potere dell'amministratore condominiale di agire e/o resistere in giudizio

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con sentenza n. 21841, del 25/10/2010, ha statuito che l'amministratore di condominio è abilitato ad agire e resistere nelle materie che non esorbitano dalle proprie attribuzioni senza che occorra un'apposita autorizzazione necessaria, invece, solo per le liti attive e passive esorbitanti dalle incombenze dell'amministratore stesso (tale autorizzazione può avvenire anche successivamente mediante ratifica assembleare, che sana retroattivamente la costituzione dell'amministatore sprovvisto di mandato dell'assemblea - sul punto vedasi: Cass. Civ., Sezioni Unite n. 1833/10).


Nel giudizio di legittimità il difetto di rappresetanza deve  essere sanato immediatamente

La Corte Suprema  di Cassazione, Sezioni  Unite, con sentenza  n. 4248, del 04/03/2016,  ha statuito che il difetto di rappresentanza processuale della parte può essere sanato in fase d'impugnazione, senza che operino preclusioni istruttorie, e, qualora la contestazione avvenga in sede di legittimità, la prova della sussistenza del potere  rappresentativo  può essere data  ai sensi dell'art. 372 c.p.c; tuttavia, qualora in sede di legittimità il rilievo del vizio non sia officioso, ma provenga dalla controparte, l'onere di sanatoria del rappresentato sorge immediatamente, non essendovi necessità di assegnare un termine, che non sia motivamente richiesto, giacché sul rilievo di parte l'avversario è chiamato a contraddire.


Il limite di velocità deve essere segnalato prima e dopo l'incrocio stradale

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile - 2, con ordinanza n. 30664, del 27/11/2018, ha statuito che in tema di segnaletica stradale dei limiti di velocità è necessario che tra il segnale ed il luogo di effettivo rilevamento non vi siano intersezioni stradali. In tal caso, il limite deve esere nuovamente ribadito subito dopo l'incrocio.


Il procuratore domiciliatario solo in senso fisico non è abilitato alla ricezione della notifica telematica

La Corte Suprema di Cassazione, I Sezione Civile, con ordinanza n. 20946, del 22/08/2018, ha statuito che il procuratore che sia domiciliatario in senso fisico, in mancanza di elezione del proprio indirizzo pec quale domicilio digitale della parte, non è abilitato alla ricezione della notifica telematica di un provvedimento impugnabile, risultando una simile notifica inesistente, e pertanto insuscettibile di sanatoria per raggiungimento dello scopo,  prevista dall'art. 156 c.p.c., soltanto per i casi di nullità dell'atto.


Per approvare le tabelle millesimali è sufficiente la maggioranza dei condomini anche dopo l'entrata in vigore della legge di riforma del condominio

Il Tribunale di Firenze, Seconda Sezione Civile, con sentenza del 11/06/2017 ha statuito che in sede di deliberazione assembleare, per l'approvazione delle nuove tabelle millesimali, non è necessaria l'unanimità di tutti i condomini, in ossequio al principio enucleato dalle Sezioni Unite della Cassazione nel 2010, secondo il quale le tabelle non rappresentano atto di natura negoziale, ma esprimono in termini aritmetici un già presistente rapporto di valore tra i diritti dei vari condomini senza incidere in alcun modo su tali diritti. Rebus sic stantibus, ai fini dell'approvazione di nuove tabelle si applicherà la maggioranza prevista all'art. 1136 co. 2 c.c., a ciò non ostando l'art. 69 disp. att. c.c., come riformato dalla L. 220/12,  riferendosi esso, quando richiede l'unanimità, alla sola rettifica o modifica delle tabelle, non anche all'approvazione delle stesse.


Il termine di 90 giorni per notificare il verbale decorre dalla data dell'infrazione

La Corte Suprema di Cassazione, Sesta Sezione Civile, con ordinanza n. 7066, del 21/03/2018, ha statuito che qualora la violazione delle regole sulla circolazione stradale non possa essere immediatamente contestata, il verbale deve essere notifcato entro 90 giorni all'effettivo trasgressore. Tale termine decadenziale decorre dal momento stesso della violazione, salvo laddove non risulti possibile individuare il luogo dove la notifica deve essere eseguita a causa dell'assenza  o della mancanza delle necessarie informazioni identificative nei pubblici registri. Nessuna rilevanza assume, a riguardo, la scarsa organizzazione interna dell'Amministrazione accertatrice chiamata a gestire un numero elevato di trasgressioni rilevate automaticamente dall'apparechiatura apposita (autovelox o tutor), posto che l'effettività dell'azione dell'Amministrazione non può mai realizzarsi attravero la compressione del diritto di difesa del trasgressore.


In caso di danno al terzo talvolta è responsabile il locatore e talvolta è responsabile il conduttore

La Corte Suprema di Cassazione, Terza Sezione Civile, con sentenza  n. 7526, del  27/03/2018,  ha statuito  che  al proprietario dell'immobile locato  sono riconducibli in via esclusiva i danni arrecati a terzi dalle strutture murarie e dagli impianti in esse conglobati, di cui conserva la custodia anche dopo la locazione, mentre grava sul solo conduttore la responsabilità per i danni provocati a terzi dagli accessori dalle altre parti dell'immobile, che sono acquisiti alla sua disponibilità. Pertanto, data la specialità dell'art. 2053 rispetto al 2051, è escluso che rispetto allo stesso fatto possono concorrere la responsabilità del proprietario e del conduttore.


Il ricorso per l'irragionevole durata del processo può essere proposto anche prima del passaggio in giudicato della sentenza

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 88, del 28/04/2018, ha dichiarato  l'illegittimità costituzionale dell'art. 4 della  L. 89/2001 (legge Pinto) nella parte in cui non prevede  che la  domanda di equa riparazione possa essere proposta anche in pendenza della pendenza del procedimento presupposto.


Il rimedio dell'opposizione all'esecuzione è esperibile anche nelle controversie di natura tributaria

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 114, del 31/05/2018, ha dichiarato l'illegittimità  costituzionale dell'art. 57 co. 1 lett. a)  del D.P.R. n. 602/1973, come sostituito dall'art. 16 del D.Lgs  n. 46/1999, nella parte in cui non prevede che, nelle controversie che riguardano gli atti dell'esecuzione forzata  tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento o all'avviso di cui all'art 50 del D.P.R. 602/1973, sono ammesse  le opposizioni regolate dall'art 615 c.p.c..


Le spese della consulenza tecnica di parte vanno rimborsate alla parte vittoriosa

La Corte Suprema di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con la sentenza n. 84, del 03/01/2013, ha statuito che le spese per la consulenza tecnica di parte, la quale ha natura di allegazione difensiva tecnica, rientrano tra quelle che la parte vittoriosa ha diritto di vedersi rimborsate, a meno che il giudice non si avvalga, ai sensi dell'art. 92 co. 1 c.p.c., della facoltà di escluderle, ritenendole eccessive o superflue


Il patto dissimulato di maggiorazione del canone del contratto di locazione ad uso diverso dall'abitativo è radicalmente nullo

La Corte Suprema di Cassazione, Sezioni Unite, con la sentenza n. 23601, del 09/10/2017, ha statuito che il contratto di locazione di immobili, sia ad uso abitativo che ad uso diverso, contenente "ab origine" l'indicazione del canone realmente pattuito (e, dunque, in assenza di qualsivolglia  fenomeno simulatorio), ove non registrato nei termini di legge, è nullo ai sensi dell'art. 1, comma 346, della legge n. 311 del 2004 ma, in caso di tardiva registrazione, da ritenersi consentita in base alle norme tributarie, può comunque produrre i suoi effetti con decorrenza "ex tunc", atteso che il riconoscimento di una sanatoria "per adempimento" è coerente con l'introduzone nell'ordinamento di una nullità (funzionale) "per inadempimento" all'obbligo di registrazione. Tuttavia, in caso di simulazione del canone, il patto dissimulato di maggiorazione del canone, concordato tra le parti di un contratto di locazione di immobili ad uso non abitativo, è insanabimente nullo, a prescindere dalla sua registrazione tardiva, pur non importando la nullità dell'intera convenzione negoziale (attenzione: per le locazioni ad uso abitativo stipulate dal 01/01/2016 trova applicazione l'art. 13 D.Lgs 431/98, come modificato a decorrere dalla predetta data, che prevede per il locatore il termine perentorio di trenta giorni dalla stipulazione del contratto  ai fini della sua registrazione).

La legittimazione passiva nelle controversie aventi ad oggetto tributi locali spetta sempre al Sindaco dell'ente locale

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Tributaria, con la sentenza n. 1610, del 06/02/2002, ha statuito che la legittimazione passiva (legitimatio ad causam), nei ricorsi che hanno ad oggetto i tributi locali, compete agli enti locali stessi in virtù dell'art. 10 del D.Lgs 546/92, in persona del legale rappresentante stesso, cui è attribuita "la legitimatio ad processum", ex art. 11 co. 3 del D.Lgs 546/02 (in forza del nuovo ordinamento delle autonomie locali, approvato con il D.Lgs 267/00, la rappresentanza in giudizio del Comune non può più essere esercitata dal dirigente titolare della direzione di un ufficio o di un servizio ma è riservata, in via esclusiva, al Sindaco - vedasi Cass.  Civ., Sez. Trib, n. 10787 del 07/06/2004).


Le spese legali possono essere compensate anche in caso di gravi ed eccezionali ragioni

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 77/2018, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art 92 co. 2 c.p.c., nel testo modificato dall'art. 13 co. 1 del D.L. 132/14 convertito con modificazioni in Legge 162/14, nella parte in cui non prevede che il Giudice possa compensare le spese tra le parti, parzialmente o per intero, anche qualora sussistano altre analoghe gravi ed eccezionali ragioni.


Le spese per assistenza stragiudiziale nel sinistro stradale costituiscono danno emergente

La Corte Suprema di Cassazione, Sesta Sezione Civile,  con la sentenza n. 2644, del 02/02/2018, ha statuito che nell'ambito delle spese stragiudiziali in caso di sinistro stradale, il loro rimborso rappresenta caso tipico di danno emergente ex art. 1223 c.c.; pertanto, come qualsiasi altra voce di danno, sarà soggetta alle regole generali: e dunque non sarà dovuto il risarcimento del danno alle spese che la vittima avrebbe potuto evitare usando l'ordinaria diligenza (art. 1227 co. 1 c.c.); non sarà dovuto il risarcimento del danno per le spese che, pur necessarie, sono state sostenute in maniera esagerata (art. 1227 co. 2 c..c.) e non sarà dovuto il risarcimento del danno per le spese non legate da un nesso di causa rispetto al fatto illecito.


La compagnia di assicurazioni può essere costituita in mora solo a mezzo di lettera raccomandata

La Corte Suprema di Cassazione, Terza Sezione Civile, con la sentenza n. 15749, del 27/07/2015, ha statuito che in tema di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore,  la condizione di proponibilità della domanda,  di cui all'art. 22 L. 990/69, non può essere assolta con mezzi equipollenti alla raccomandata, quali il fax, se essi non consentono di provare l'avvenuta ricezione da part del destinatario.


La spese della consulenza tecnica d'ufficio gravano sulle parti in causa in via solidale

La Corte Suprema di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con la sentenza n. 23133, del 12/11/2015, ha statuito che il consulente tecnico d'ufficio che abbia inutilmente chiesto il dovuto in base al decreto di liquidazione provvisoria del compenso può esigerne il pagamento in via solidale dalle parti a prescindere dalla diversa ripartizione della spesa contenuta nella sentenza che ha definito il giudizio, in quanto - salvo i rapporti interni tra le parti - l'ausiliare opera nell'interesse della giustizia in virtù di un mandato neutrale.


La prescrizione presuntiva del credito dell'avvocato non opera se il contratto è stato  stipulato in forma scritta

La Corte Suprema di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con la sentenza n. 763, del 13/01/2017, ha statuito che la prescrizione presuntiva triennale del credito dell'avvocato per il recupero del proprio compenso professionale non opera se il credito trae origine da un contratto stipulato in forma scritta, in quanto le prescrizioni presuntive operano unicamente nei rapporti che si svolgono senza formalità.


La mancanza di firma digitale della relata di notifica telematica non ne determina la nullità
La Corte Suprema di Cassazione, Sesta Sezione Civile, con la sentenza n. 6518, del 14/03/2017, ha statuito che in tema di notifica del ricorso per cassazione a mezzo posta elettronica certificata la mancanza, nella relata, della firma digitale dell'avvocato notificante, non è causa d'inesistenza dell'atto, potendo la stessa essere riscontrata attraverso altri elementi d'individuazione dell'esecutore della notifica, come la riconducibilità della persona del difensore menzionato nella relata alla persona munita di procura speciale per la proposizione del ricorso, essendosi comunque raggiunti la conoscenza dell'atto e, dunque, lo scopo legale della notifica


Nel ricorso per prestazioni previdenziali la mancata indicazione del valore della controversia non comporta l'inammissibilità
La Corte Costituzionale,  con la sentenza n. 241, del 20/11/2017, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 152 ultimo periodo delle disposizioni di attuazione del codice di procedura civile, nella parte in cui prevede che parte ricorrente, a pena d'inammissibilità, ha l'obbligo di formulare apposita dichiarazione di valore della prestazione dedotta in giudizio, quantificandone l'importo nelle conclusioni dell'atto introduttivo.


Non sussiste litisconsorzio necessario tra ente impositore ed agente della riscossione per la contestazione della pretesa tributaria
La Commissione Tributaria Regionale di Milano, con la sentenza n. 4405, del 31/10/2017, ha statuito che la contestazione della pretesa tributaria, attuata mediante impugnazione dell'avviso di iscrizione ipotecaria conseguente a cartella di pagamento, può essere svolto direttamente nei confronti dell'ente impositore e l'agente di riscossione è vincolato alla decisione del giudice nella sua qualità di "adiectus solutionis causa", fermo restando l'onere di quest'ultimo di chiamare in causa l'ente impositore creditore per non rispondere dell'esito eventualmente sfavorevole della lite

Nella procedura di risarcimento diretto sussiste litisconsorzio necessario tra la propria compagnia di assicurazioni ed il danneggiante responsabile del sinistro
La Corte Suprema di Cassazione, Sesta Sezione Civile, con la sentenza n. 21896, del  20/09/2017, ha statuito che in materia di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile per la circolazione dei veicoli, nella procedura di risarcimento diretto, di cui all'art. 149 del Codice delle Assicurazioni, promossa dal danneggiato nei confronti del proprio assicuratore, sussiste litisconsorzio necessario, analogamente a quanto previsto dall'art. 144 co. 3 dello stesso codice, nei confronti del danneggiante responsabile

Le tabelle millesimali sono approvate a maggioranza e non all'unanimità
La Corte Suprema di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con la sentenza n. 9232, del 23/04/2014, ha statuito che la delibera di approvazione o modificazione delle tabelle millesimali non ha natura negoziale per cui non è necessaria l'unanimità dei consensi per la sua approvazione, essendo sufficiente la maggioranza qualificata dei condomini di cui all'art. 1136 comma 2 c.c.. Inoltre, sempre il Giudice di legittimità (Cass. Civ., Sez. VI, n. 17115  del 09/08/2011) ha statuito che il criterio per la identificazione delle quote di partecipazione al condominio, derivando dal rapporto fra il valore dell'intero edificio e quello relativo alla proprietà del singolo, esiste prima ed indipendentemente dalla formazione delle tabelle millesimali, la cui esistenza, pertanto, non costituisce requisito di validità delle delibere assembleari e consente sempre di valutare anche a posteriori in giudizio se le maggioranze richieste per la validità della costituzione dell'assemblea  e delle relative deliberazioni siano state raggiunte, in quanto  la tabella anzidetta agevola ma non condiziona lo svolgimento dell'assembela ed in genere la gestione del condominio.

"mini perequazione" delle pensioni all'esame della Corte Costituzionale il prossimo 24 ottobre
Sarà esaminata il prossimo 24 ottobre 2017 la questione di legittimità costituzionale del Decreto  Legge n. 65/2015, che ha stabilito la rivalutazione dei trattamenti pensionistici nella misura del 100% per quelli non superiori al triplo dell'assegno sociale (circa € 1.400,00 lordi) ed in misura inferiore per quelli superiori al suddetto importo e fino a sei volte il triplo dell'assegno sociale (€ 3.000.00 lordi)

La consegna dell'ordinanza ingiunzione al servizio postale ai fini della notifica non interrompe il termine quinquennale di prescrizione

La Corte Suprema di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con la sentenza n. 19143, del 01/08/2017, ha statuito che, in tema di sanzioni amministrative, la consegna dell'ordinanza ingiunzione al servizio postale ai fini della notifica non è idonea ad interrompere il termine di prescrizione quinquennale previsto dall'art 28 della l. 689/81 in quanto il momento della scissione degli effetti della notifica tra notificante e destinatario dell'atto, previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 477/02, trova applicazione solo nel caso in cui la prescrizione possa essere interrotta attraverso il giudice e, quindi, attraverso il giudizio e non anche in tema di sanzioni amministrative laddove la notifica al trasgressore del verbale di accertamento dell'infrazione è idonea a costituire in mora il debitore ex art. 2943 c.c..


Il proprietario dell'autoveicolo deve sempre fornire agli organi di polizia i dati esatti e completi del conducente

La Corte Suprema di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con la sentenza 18567, del 26/07/2017, ha statuito che il proprietario dell'autoveicolo, al fine di non incorrere nella sanzione di cui all'art. 126 bis co. 2 CdS, deve sempre comunicare, nel termine di sessanta giorni decorrenti dalla notifica del verbale principale, i dati esatti e completi del conducente incorrendo, in mancanza, nella suddetta sanzione in quanto il proprietario è tenuto sempre a conoscere l'identità dei soggetti ai quali affida la conduzione dell'autoveicolo rispondendo, in mancanza, a titolo di colpa per negligente osservanza del dovere di vigilare sull'affidamento, in guisa da essere in grado di adempiere al dovere di comunicare l'identità del conducente.


Nel giudizio di opposizione a sanzione amministrativa il valore della domanda si determina sulla base dell'importo della sanzione principale

La Corte Suprema di Cassazione, Sesta Sezione Civile, la sentenza n. 13598, del 16/06/2014, ha stabilito che nel giudizio di opposizione a sanzione amministrativa il cumulo della sanzione pecuniaria, di valore determinato, e della sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente di guida, non rende la causa di valore indeterminabile ai fini dell'individuazione del giudice competente, né rileva ai fini della liquidazione delle spese processuali, che restano parametrate sull'importo della sola sanzione pecuniaria.


In caso di firma di un assegno bancario non conforme allo specimen (ma non illeggibile) deve essere levato il protesto nei confronti del firmatario del titolo di credito anziché nei confronti del correntista

Il Tribunale Civile di Nola, II Sezione, con la sentenza n. 673, del 06/04/2006, ha statuito che qualora la firma apposta per traenza su un assegno bancario non corrisponda allo specimen, ma rechi un nome ed un cognome di fantasia, pur se si presti a diverse letture, ma comunque non riconducibili, per estensione e composizione letterale, in alcun modo al titolare del conto corrente, tale firma non va definita illeggibile, ma configura la fattispecie prevista dalla causale n. 37 della Circolare del Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato del 30 aprile 2001 n. 3512/c. Consegue che il protesto non va elevato a carico del titolare del conto, ma del soggetto firmatario, anche se rimasto non identificato.


Il comportamento processuale delle parti può costituire unica fonte di convincimento del Giudice

La Corte Suprema di Cassazione, I Sezione Civile, con la sentenza n. 2815, del 08/02/2006, ha statuito che il comportamento processuale delle parti ben può costituire unica e sufficiente fonte di convincimento del giudice e non già soltanto un mezzo di valutazione degli elementi probatori già acquisti al processo. Pertanto, il giudice può trarre elementi di convicimento, ai fini dell'accertamento dei fatti controversi, dalle contraddizioni che si colgono nell'assunto difensivo di uno dei soggetti della lite e in particolare dalla circostanza che, con riferimento all'oggetto del processo, siano state ammannite successivamente versioni diverse,  in violazione del dovere di lealtà e probità  sancito dall'art. 88 cod. proc. civ..


L'atto di riassunzione può contenere anche una domanda nuova in aggiunta a quella originaria

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 821, del 18/01/2006, ha statuito che l'atto di riassunzione conseguente a declaratoria  d'incompetenza può contenere una domanda in aggiunta a quella originaria, valendo esso,  in tal caso, come atto introduttivo di un giudizio ex novo. Se tale  facoltà è concessa all'attore, a maggior ragione essa può essere esercitata dal convenuto, alla stregua del principio della parità dei diritti che deve essere riconosciuta alle parti.


I lavori urgenti sono a carico di tutti i condomini anche in assenza di delibera ad hoc

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 2807, 02/02/2017, ha statuito che in tema di opere su parti comuni, l'amministratore, senza previa delibera assembleare, può affidare ad una ditta opere di manutenzione straordinaria esclusivamente se aventi carattere urgente: così spetta al condominio retribuire la ditta senza che questo possa rivalersi sull'amministratore per il pagamento del saldo prezzo dovuto per l'esecuzione dei lavori.


L'ordinanza del Giudice che decide sull'incompetenza territoriale talvolta deve condannare anche al pagamento delle spese processuali e talvolta no

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, con la sentenza n. 11764, del 08/06/2016, ha statuito che l'art. 38 co. 2 c.p.c. può trovare applicazione solo in tema di competenza per territorio derogabile, mentre, ove sia sollevata un'eccezione d'incompetenza per materia, per valore o per territorio inderogabile, l'ordinanza che l'accoglie (e che potrebbe essere pronunciata anche d'ufficio) ha natura decisoria, indipendentemente dal fatto che la controparte vi abbia aderito, sicché il giudice erroneamente adito è tenuto a statuire anche sulle spese del procedimento.


I continui litigi tra i condomini evitano l'usucapione del posto auto

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 769, del 13/01/2017, ha statuito che i continui litigi tra i condomini in merito all'utilizzo dei posti auto in comproprietà escludono il carattere pacifico della relazione tra uno dei condomini ed il parcheggio di cui egli rivendica la proprietà esclusiva per usucapione.


Il compratore deve solo denunciare la presenza di vizi che rendano il bene venduto inidoneo all'uso

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 24731, del 02/12/2016, ha statuito che in tema d'inadempimento del contratto di compravendita, è sufficiente che il compratore alleghi l'inesatto adempimento, ovvero denunci la presenza di vizi che rendano la cosa inidonea all'uso al quale è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore, mentre è a carico del venditore, quale debitore di un'obbligazione di risultato ed in forza del principio di riferibilità o di vicinanza della prova, l'onere di dimostrare, anche attraverso presunzioni, di aver consegnato una cosa conforme alle caratteristiche del tipo ordinariamente prodotto, ovvero la regolarità del procedimento di fabbricazione o di realizzazione del bene; ne consegue che, ove detta prova sia stata fornita, spetta al compratore di dimostrare l'esistenza di un vizio o di un difetto intrinseco della cosa ascrivibile al veditore (fattispecie relativa alla vendita di un'autovettura  che presentava anomalie da cui si presumeva che il veicolo era stato coinvolto in un probabile incidente).


Deve essere risarcita la spesa di consulenza infortunistica sostenuta dal danneggiato  per ottenere il risarcimento dei danni

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, con la sentenza n. 25064, 07/12/2016, ha statuito che, in caso di sinistro stradale, qualora il danneggiato abbia fatto ricorso all'assistenza di uno studio d'infortunistica stradale ai fini dell'attività stragiudiziale diretta a richiedere il risarcimento del danno assertitamente sofferto, nel succesivo giudizio instaurato per ottenere il risarcimento del danno, la configurabilità della spesa sostenuta per avvalersi di detta assistenza come danno emergente non può essere esclusa per il fatto che l'intervento del suddetto studio non abbia fatto recedere l'assicuratore dalla posizione assunta in ordine all'aspetto della vicenda che era stata oggetto di discussione e di assistenza in sede stragiudiziale, ma va valutata considerando,  in relazione all'esito della lite su tale aspetto, se la spesa sia stata necessitata e giustificata in funzione dell'attività di esercizio stragiudiziale del diritto al risarcimento.


La prestazione eseguita a titolo di corrispettivo per un contratto nullo può essere ripetuta

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 25503, del 13/12/2016, ha statuito che la prestazione compiuta in esecuzione di un contratto nullo costituisce un indebito oggettivo, regolato dall'art. 2033 cc, e non dall'art. 1458 c.c.; l'evetuale irripetibilità di quella prestazione potrà attribuire al solvens, ricorrendone i presupposti, il diritto al risarcimento del danno ex art. 2043 cc, od al pagamento dell'ingiustificato arricchimento ex art. 2041 cc.


L'avvocato è responsabile della mancata opposizione a decreto ingiuntivo solo qualora si dimostri che quell'opposizione, se proposta, avrebbe avuto concrete possibilità di essere accolta

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 25895, del 15/12/2016, ha statuito che la responsabilità professionale non è data dal solo non corretto adempimento della prestazione, ma presuppone la dimostrazione che l'evento produttivo del pregiudizio lamentato sia riconducibile alla condotta del professionista, che un danno vi sia stato effettivamente ed, infine, che ove questi avesse tenuto il comportamento dovuto, l'esito sarebbe stato diverso e, in particolare, per quanto attiene alla professione forense, che l'assistito, secondo criteri probabilistici, avrebbe conseguito il riconoscimento delle proprie ragioni. Nello specifico, la responsabilità dell'avvocato per mancato rispetto del termine per proporre opposizione a decreto ingiuntivo sussiste solo ove si dimostri che quell'opposizione, se proposta, avrebbe avuto concrete possibilità di essere accolta.


La raccomandata consegnata dalle Poste Private è priva di data certa

La Corte Suprema di Cassazione, I Sezione Civile, conla sentenza n. 26778, del 22/12/2016, ha statuito che anche le imprese private, munite di apposita licenza dell'amministrazione, possono svolgere servizi postali e curare ed eseguire la trasmissione della corrispondenza, ad eccezione degli atti giudiziari ma in questo caso il timbro datario apposto sul plico consegnato al mittente non può valere a rendere certa la data della ricezione, trattandosi di un'attività resa da un soggetto privato il cui personale dipendente non risulta munito di poteri pubblicistici di certificazione della data di ricezione della corrispondenza trattata.


La cartella di pagamento deve essere motivata

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Tributaria, con la sentenza n. 24933, del 06/12/2016, ha statuito che la cartella di pagamento, quando non sia stata preceduta da un avviso di accertamento, deve  essere  motivata  in modo congruo, sufficiente ed intelleggibile, tale obbligo derivando dai principi di carattere generale indicati, per ogni provvedimento amministativo, dall'art. 3 della L. 241/90 e recepiti, per la materia tributaria, dall'art. 7 della L. 212/00.


La mancata impugnazione della cartella di pagamento non comporta la conversione del termine di prescrizione breve in quello ordinario decennale

La Corte Suprema di Cassazione, Sezioni Unite, con la sentenza n. 23397, del 17/11/2016, ha statuito che la scadenza del termine per proporre opposizione alla cartella di pagamento  produce solo  l'effetto dell'irretrattabilità  del credito senza determinare anche la cd "conversione" del termine di prescrizione breve in quello ordinario decennale di cui all'art. 2953 c.c.. Tale ultima disposizione, infatti, si applica soltanto nelle ipotesi in cui intervenga un titolo giudiziale divenuto definitivo mentre la cartella di pagamento, avendo natura di atto amministrativo, è priva  dell'attitudine  ad acquistare  efficacia di giudicato .

E' possibile la riduzione del servizio idrico in presenza di grave inadempimento

Il Tribunale di Alessandria, con ordinanza collegiale del 17/07/2015, ha statuito che la società di somministrazione del servizio idrico ben può ridurre il servizio erogato, ai sensi dell'art. 1461 cc,  quando sussista un evidente pericolo di non ricevere il corrispettivo in ragione delle condizioni patrimoniali dell'altro contraente e la relativa clausola contrattuale non si configura come vessatoria.


E' autonomamente impugnabile l'estratto di ruolo
La Corte Suprema di Cassazione, Sezioni Unite, con la sentenza n. 19704, del 02/10/2015, ha statuito che  è ammissibile l'impugnazione di una cartella (e/o del ruolo) che non sia stata validamente notificata e della quale il  contribuente sia venuto a conoscenza attraverso l'estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario, in quanto l'impugnabilità di un atto precedente non notificato può avvenire sia attraverso l'atto successivo notificato che in un momento anteriore, e ciò al fine di non comprimere, ritardare, rendere più difficile o gravoso il diritto alla tutela giurisdizionale.

E' affetto da nullità assoluta il contratto di locazione stipulato senza la forma scritta

La Corte Suprema di Cassazione, Sezioni Unite, con la sentenza n. 18214, del 17/09/2015, ha statuito che il contratto di locazione ad uso abitativo, stipulato senza la forma scritta prescritta dall'art. 1 comma 4 L. 431/98, è affetto da nullità assoluta rilevabile da entrambe le parti e d'ufficio, attesa la "ratio" pubblicistica del contrasto all'evasione fiscale. Fa eccezione l'ipotesi prevista dall'art. 13 co. 5 L. 431/98, in cui la forma verbale sia stata imposta dal locatore; in tal caso il contratto è affetto da nullità relativa di protezione, denunciabile dal solo conduttore.
Da quanto sopra consegue che: - nel caso in cui l'assenza di forma scritta sia stata liberamente concordata tra le parti, si verte in tema di nullità assoluta ed il locatore potrà agire per ottenere la restituzione dell'immobile occupato dal conduttore senza titolo. In tal caso, il conduttore potrà ottenere la parziale restituzione delle somme versate a titolo di canone, nella misura eccedente quella del canone "concordato", poichè la totale restituzione del canone costituirebbe un ingiustificato arricchimento dell'occupante; - nel caso in cui l'assenza di forma scritta sia stata imposta dal locatore e subita dal conduttore contro la sua volontà, si verte in tema di nullità relativa che potrà essere fatta valere dal solo conduttore il quale, in alternativa, potrà chiedere al Giudice di accertare l'esistenza di un contratto di locazione stipulato verbalmente e di determinare con effetti retroattivi il canone dovuto nei limiti di quello definito dagli accordi delle associazioni locali della proprietà e dei conduttori ai sensi dell'art. 2 co. 3 L. 431/98 (cd canone concordato), con il conseguente diritto del conduttore ad ottenere la restituzione dei canoni pagati in eccedenza rispetto a quelli determinati dal Giudice

A seguito del rigetto dell'opposizione a sanzione amministrativa il titolo esecutivo è costituito dalla sentenza e non dal verbale opposto
La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 20983, del 06/10/2014, ha statuito che a seguito del rigetto dell'opposizione avverso una sanzione amministrativa il titolo esecutivo è costituito dalla sentenza di rigetto e non dal verbale di accertamento per cui la PA non può agire esecutivamente vantando un titolo costituito non dalla sentenza conclusiva del giudizio di opposizione ma dal verbale opposto e mai utilizzato esecutivamente in corso di causa

La cessione del TFR a garanzia di un debito è possibile senza limitazioni solo per i dipendenti del settore privato o del settore pubblico non statale 

A seguito di numerose richieste di chiarimenti circa la cedibilità del TFS (trattamento di fine servizio - corrisposto ai dipendenti del settore pubblico assunti fino al 31/12/2000) e/o del TFR (trattamento di fine rapporto - corrisposto ai dipendenti del settore privato o del settore pubblico assunti successivamente al 31/12/2000), ai fini dell'estinzione del debito residuo contratto da lavoratori con società finanziarie per effetto della stipulazione di contratti di finanziamento, l'INPDAP ha emanato la nota operativa  n. 17 del 06/04/2009 con la quale ha chiarito che il trattamento di fine servizio (IPS o BPU) è incedibile mentre il trattamento di fine rapporto è cedibile per intero, senza limitazione del quinto, ma solo relativamente ai dipendenti pubblici del settore non statale.

Successivamente, l'art. 2 co. 49 del D.L. 225/11 ha modificato l'art. 1 co. 1 del D.P.R. n. 180/1950, precludendo la cedibilità del TSF solo fino alla cessazione del rapporto di lavoro ma non anche nel periodo intercorrente tra la cessione del rapporto di lavoro e l'erogazione all'avente diritto del relativo trattamento economico, essendo tuttavia nullo ed improduttivo di effetti un contratto di cessione stipulato prima della collocazione a riposo del lavoratore (Circolare Inps n. 12 del 28/06/2011)


Anche negli incidenti più lievi è dovuto il danno morale
La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 17209, del 27/08/2015, ha statuito che anche in caso di danno da micropermanente deve ritenersi consentita la liquidazione del danno morale come voce di danno non patrimoniale, in aggiunta al danno biologico previsto dall'art. 139 del codice delle assicurazioni private. Questo significa, però, che il danneggiato ha l'onere di dedurre e provare (anche mediante lo strumento delle presunzioni) tutte le circostanze utili ad apprezzare la concreta incidenza della lesione patita in termini di sofferenza / turbamento.  

Il mancato esperimento del tentativo di mediazione comporta  l'improcedibilità del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo e la conferma del provvedimento monitorio opposto

Il Tribunale di Nola, II Sezione Civile, con sentenza del 24/02/2015, ha statuito che grava sull'opponente l'onere di avviare il procedimento di mediazione e, quindi, anche gli effetti pregiudizievoli di un'eventuale improcedibilità dell'opposizione a decreto ingiuntivo. Pertanto, una volta dichiarata l'improcedibilità, il decreto ingiuntivo opposto non potrà che essere confermato (di segno conforme: Tribunale di Rimini sentenza del 05/08/2014; di segno contrario: Tribunale di Varese sentenza del 18/05/2012).

Il contratto verbale  di locazione, pur se registrato, è nullo ma non attribuisce al conduttore il diritto alla ripetizione delle somme versate in favore del presunto locatore

Il Tribunale di Roma, VI Sezione Civile, con sentenza del 01/10/2014, ha statuito che il contratto verbale di locazione, anche se denunciato presso l'Agenzia delle Entrate, è nullo ed improduttivo di effetti occorrendo per la sua validità sempre la forma scritta. Tuttavia, l'occupante dell'immobile, essendo equiparato al possessore in buona fede, non può richiedere la restituzione delle somme versate mensilmente in favore del presunto locatore in quanto ciò comporterebbe un arricchimento senza causa in danno del presunto locatore ex art. 2041 c.c..

Dopo la chiusura del procedimento di espropriazione forzata non è possibile esercitare l'azione di ripetizione dell'indebito contro il creditore procedente 

La Corte Suprema di Cassazione, Sez. Lavoro, con la sentenza n. 7036, del  08/05/2003, ha statuito che il debitore espropriato non può esperire, dopo la chiusura del procedimento di espropriazione forzata, l'azione di ripetizione d'indebito contro il creditore procedente per riottenere la restituzione di quanto costui abbia riscosso, sul presupposto dell'illegittimità per motivi sostanziali dell'esecuzione forzata, atteso che la legge, pur non attribuendo efficacia di giudicato al provvedimento conclusivo del procedimento esecutivo, tuttavia sancisce l'irrevocabilità dei relativi provvedimenti una volta che essi abbiano avuto esecuzione, sicché la proposizione dell'azione di ripetizione dopo la conclusione dell'esecuzione e la scadenza dei termini per le relative opposizioni sarebbe in contrasto con i principi ispiratori del sistema e con le regole specifiche sui modi e sui termini delle opposizioni esecutive, con la conseguenza che la eventuale restituzione, successivamente all'esecuzione forzata,  è correlabile solo ad una perdita di validità della procedura esecutiva legalmente accertata.


La mancata sottoposizione del danneggiato a visita medico legale non comporta l'improponibilità della domanda di risarcimento 

Il Tribunale di Torino, con la sentenza n. 388, del 14/01/2013, ha statuito che la mancata sottoposizione del danneggiato a visita medico legale, prescritta dall'art. 148 co. 3 del codice delle assicurazioni, non costituisce motivo d'improponibilità della domanda in quanto il diritto alla salute è costituzionalmente garantito e non si può subordinare la propobilità dell'azione risarcitoria ad un previo accertamento medico-legale (sul punto vedi anche: Trib. Bologna ord. 29-05-2009).


Il diritto di utilizzare il bene comune non è proporzionato alla quota di proprietà

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 9654, del 19/04/2013, ha statuito che la facoltà d'uso prevista dall'art. 1102 c.c. non è proporzionata alla quota di contitolarità, ma è una facoltà integrale non esclusiva, che legittima ciascuno dei comproprietari ad utilizzare la cosa anche fuori dai limiti di quota, senza però pregiudicare l'eguale facoltà di utilizzazione da parte degli altri comproprietari.


Il legale rappresentante di un'associazione non riconosciuta è personalmente responsabile del danno verificatosi in palestra

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 858, del 17/01/2008, ha statuito che il rappresentante di un'associazione non riconosciuta (nella specie, un'associazione sportiva avente come oggetto sociale la gestione di una palestra) assume la qualità di custode, ai sensi dell'art. 2051 c.c., dei beni dell'associazione in tutti i casi in cui eserciti un potere di fatto su tali beni, assumendo conseguentemente l'obbligo di controllarli ed eliminare le situazioni di pericolo che in essi possano insorgere.   


I comproprietari di un'unità immobiliare sita in un condominio sono tenuti in solido al pagamento degli oneri condominiali

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 21907, del 21/10/2011, ha statuito che i comproprietari di un'unità immobiliare sita in condominio sono tenuti in solido, nei confronti del condominio stesso, al pagamento degli oneri condominiali, sia perché detto obbligo di contribuzione grava sui contitolari del piano o della porzione di piano inteso come cosa unica ed i comunisti stessi rappresentano, nei confronti del condominio, un insieme, sia in virtù del principio generale dettato dall'art. 1294 c.c. (secondo il quale, nel caso di pluralità di debitori, la solidarietà si presume), alla cui applicabilità non è di ostacolo la circostanza che le quote dell'unità immobiliare siano pervenute ai comproprietari in forza di titoli diversi.  


L'obbligo di risarcire il danno immobiliare da infiltrazione non si trasferisce dal venditore al compratore

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza 18855, del 07/08/2013,  ha statuito che il danno immobiliare da infiltrazione, ai sensi dell'art. 2051 c.c., non rappresenta un'obbligazione "propter rem", che si trasferisce dal venditore al compratore insieme alla proprietà dell'immobile da cui il danno stesso proviene, trattandosi, invece, di un'obbligazione connessa alla qualità di custode dell'immobile nel momento in cui esso ha cagionato il danno.


Niente canone ridotto per l'inquilino che autodenuncia il contratto di locazione

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 50, depositata il 14/03/2014, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dei commi 8 e 9 dell'art. 3 del D.Lgs 23/2011, nella parte in cui stabilisce particolari vantaggi per l'affittuario che denuncia il contratto di locazione in nero (specificamente: riduzione del canone in misura pari al triplo della rendita catastale e determinazione della durata contrattuale in anni 4 + 4 decorrenti dalla data dell'autodenuncia). In particolare, la Corte ha stabilito che il suddetto decreto legislativo travalica la legge delega n. 42, del 05/05/2009, ed è, pertanto, in contrasto con l'art. 76 della Costituzione che disegna i poteri del Governo. La Corte ha stabilito, altresì, che il suddetto decreto legislativo va a deprimere le entrate Irpef (in contrasto con gli obiettivi della stessa legge delega) ed è in contrasto   con l'art. 3 e 42 della Costituzione, in quanto la sanzione ivi prevista è posta solo a carico del locatore sebbene l'obbligo della registrazione incomba anche sul condutotre, creando in questo modo un beneficio su una parte che era obbligata comunque a chiedere la registrazione  del contratto. Inoltre, la disciplina del suddetto decreto non si applica ai locali commerciali, mortificando in eccesso il diritto di proprietà privata.


Il condomino che ha sostenuto delle spese per la cosa comune senza l'autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo  che trattasi di spesa urgente

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, con l'ordinanza n. 4330, del 19/03/2012, ha statuito che il condomino che ha sostenuto delle spese per la cosa comune senza l'autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che trattasi di spesa urgente, ritenendosi tale quella spesa che non consente neppure quella minima dilazione necessaria per permettere al condominio di deliberarla o per permettere all'amministratore di autorizzarla.


L'incompetenza territoriale inderogabile può essere rilevata d'ufficio non oltre la prima udienza fissata con il decreto di cui all'art. 415 c.p.c.

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, con la sentenza n. 19410, del 11/09/2010, ha statuito che l'incompetenza per materia, al pari di quella per valore e per territorio nei casi previsti dall'art. 28 del codice di procedura civile, è rilevata anche d'ufficio non oltre la prima udienza di trattazione la quale, nel rito ordinario, s'identifica con l'udienza di cui all'art. 183 c.p.c. e, nel processo del lavoro, corrisponde alla (prima) udienza di discussione fissata con il decreto giudiziale disciplinato dall'art. 415 c.p.c.. Pertanto, detta incompetenza può essere rilevata non oltre il termine dell'udienza fissata con il predetto decreto contemplato dal citato art. 415, con la conseguente inammissibilità del regolamento di competenza d'ufficio che dovesse essere sollevato superandosi tale preclusione.


Le spese relative ai lavori di ristrutturazione condominiale devono essere addebitate al condomino proprietario all'epoca della delibera

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 10235, del 02/05/2013, ha statuito che i criteri di riferimento per l'addebito delle spese condominiali sono i seguenti: - nel caso di spese necessarie alla manutenzione ordinaria, il momento dell'insorgenza dell'obbligazione coincide con il compimento effettivo dell'attività gestionale relativa alla manutenzione; - nel caso di  spese di straordinaria manutenzione (ristrutturazione o innovazioni sulle parti comuni), qualora il venditore  ed il compratore dell'unità immobiliare non si siano diversamente accordati in ordine alla ripartizione delle spese, è tenuto a sopportare i costi il soggetto che era proprietario all'epoca della delibera assembleare che abbia approvato i relativi interventi in via definitiva (commissione dell'appalto ed approvazione del piano di riparto dei relatvi oneri), a nulla rilevando che le opere siano state eseguite in tutto o in parte successivamente all'alienazione dell'immobile.


Il locatore non può richiedere al conduttore un importo del  canone di locazione superiore a quello previsto dal contratto scritto e registrato

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con l'ordinanza n. 37, del 03/01/2014, ha statuito che l'accordo scritto, intercorso tra locatore e conduttore, diretto ad attribuire al primo un importo del canone di locazione superiore a quello risultante dal contratto registrato, è connotato dalla vietata finalità di elusione fiscale con una consequenziale invalidità non sanabile neppure con una registrazione tardiva, salvo nuovo accordo novativo del contratto già scritto e registrato che dovrà, a sua volta, essere assoggettato ad imposizione fiscale.

Detta ordinanza afferma un principio radicalmente difforme rispetto a quello affermato dalla III Sezione Civile della Corte Suprema di Cassazione con la sentenza n. 160989, del 27/10/2003, laddove si consentiva al locatore di richiedere  al conduttore un importo del canone superiore rispetto a quello risultante dal contratto scritto e registrato, purché la controdichiarazione fosse stata stipulata dalle parti contestualmente alla redazione del contratto simulato e registrato (principio ovviamente applicabile solo ai contratti di locazione stipulati prima del 01/01/2005) 

   

L'inquilino non può denunciare all'Agenzia delle Entrate un contratto di locazione verbale

Il Tribunale di Roma, con la sentenza n. 21287, del 24/10/2013, ha statuito che la denuncia prevista dal D.L. 23/2011, con il conseguente ottenimento di un contratto di locazione a canone ridotto (canone annuo pari a triplo dellarendita catastale), non trova applicazione nell'ipotesi in cui il contratto sia affetto da nullità perché concluso in forma orale, avendo la L. 431/98 prescritto la forma scritta ad substantiam


Il diritto al risarcimento dei danni cagionati ad un immobile non costituisce un accessorio del diritto di proprietà

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 15744, del 03/07/2009, ha statuito che il diritto al risarcimento dei danni cagionati ad un immobile non costituisce un accessorio del diritto di proprietà sull'immobile stesso, trasmissibile automaticamente con la sua alienazione, ma ha natura personale, in quanto compete esclusivamente a chi, essendo proprietario del bene all'epoca dell'evento dannoso, ha subito la relativa diminuzione patrimoniale.

   

Il proprietario che subisce un danno da un bene condominiale partecipa sia alle spese di riparazione e sia al risarcimento del danno

La Corte Suprema di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 24406, del 21/11/2011, ha statuito che il proprietario (condominio) che subisce un danno derivante da un bene comune ex art. 1117 c.c. deve partecipare alle spese di riparazione del bene comune ex art. 1117 c.c. (in quanto comproprietario dello stesso bene) ma deve partecipare anche alla ripartizione delle spese di risarcimento del danno da lui subito e procurate dal medesimo bene. In altri termini, una parte del danno verrebbe risarcita dal medesimo soggetto che ha subito il danno, poiché anche su di lui grava l'obbligo di custodia e di manutenzione del bene comune ex art. 1117 c.c. che ha prodotto l'evento dannoso.

 

E' cedibile a terzi il credito derivante da risarcimento del danno patrimoniale da sinistro stradale

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 52, del 11/01/2012, ha statuito che il credito da risarcimento del danno patrimoniale da sinistro stradale è suscettibile di cessione ex artt. 1260 e ss. c.c., ed il cessionario può in base a tale titolo domandarne anche giudizialmente il pagamento al debitore ceduto (la sentenza in esame ha espressamente statuito la cedibilità del credito derivante dal danno da cd fermo tecnico ma Cass. Civ. n. 11095, del 13/05/2009, aveva già statuito la cedibilità del credito derivante dal danno alla vettura, non potendosi definire tale credito come strettamente personale e dovendosi escludere che esista una norma di legge che direttamente o, almeno  indirettamente vieti una tale possibilità).

 

Vanno pagate le tasse anche sui canoni di locazione commerciale non percepiti

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Tributaria, con la sentenza n. 651, del 18/01/2012, ha statuito che il proprietario-locatore di un locale commerciale non ha diritto al rimborso Irpef relativo ai canoni di locazione non percepiti e ciò anche se ha ottenuto lo sfratto per morosità del conduttore. Infatti, la tassazione del reddito locativo è agli specifici fini collegata alla mera maturazione del diritto di percezione di un reddito e, per tali motivi, i canoni devono essere dichiarati fino alla data di risoluzione del contratto, anche se non percepiti (tale principio trova applicazione limitatamente alle locazioni ad uso commerciale mentre per quelle ad uso abitativo è tuttora previsto il rimborso IRPEF per i canoni di locazione non percepiti ed indicati nel provvedimento di sfratto per morosità).

 

Contrastanti posizioni dei giudici di merito sulla mediazione in tema di giudizi di usucapione di beni immobili

Mentre per il Tribunale di  Varese (ord. del 20/12/2011) l’accordo raggiunto a seguito di una mediaconciliazione in materia di usucapione di beni immobili  non può surrogare la sentenza e, quindi, non può esser trascritto, per il Tribunale di Palermo (Sez. Distaccata di Bagheria ord. del 30 dicembre 2011) il suddetto accordo può, invece, essere trascritto poiché  sostituisce a tutti gli effetti la sentenza, secondo un'interpretazione costituzionalmente orientata.

 

Opposizione a decreto ingiuntivo - interpretazione autentica dell'art. 165 c.p.c.

La legge 218, del 29/12/2011, ha statuito che nei procedimenti pendenti alla data di entrata in vigore della suddetta legge, l'articolo 165 co. 1 c.p.c. si interpreta nel senso che la riduzione del termine di costituzione dell'attore ivi prevista si applica, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, solo se l'opponente abbia assegnato all'opposto un termine di comparizione inferiore a quello di cui all'articolo 163-bis co. 1 c.p.c..

 

In materia d'impugnazione di delibera condominiale, al fine di determinare la competenza per valore del giudice adito, è sempre necessario fare riferimento al caso concreto 

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 1201, del 22/01/2010, ha statuito che, ai fini della determinazione della competenza per valore (tra giudice di pace e tribunale) del giudice adito, in relazione ad una controversia avente ad oggetto il riparto di una spesa approvata dall'assemblea di condominio, se il condomino agisce per sentir dichiarare l'inesistenza del suo obbligo di pagamento, sull'assunto dell'invalidità della deliberazione assembleare (ad es. per mancata convocazione o indeterminabilità dell'oggetto), quest'ultima viene contestata nella sua globalità, sicché la competenza deve determinarsi con riguardo al valore dell'intera spesa deliberata; ove, invece, il condomino deduca, per qualsiasi diverso titolo, l'insussistenza della propria obbligazione, il valore della causa va determinato in base al solo importo contestato, perché la decisione non implica una pronuncia sulla validità della delibera di spesa nella sua globalità (principio richiamato anche da Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, ordinanza n. 13552, del 20/06/2011)

 

Non è nullo il contratto di locazione non registrato se stipulato prima del 1 gennaio 2005

Il Tribunale di Palermo, con la sentenza 6291/10, ha statuito che i contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se ricorrendone i presupposti non sono registrati (secondo quanto previsto dalla Finanziaria 2005). Tuttavia, considerando il principio generale di irretroattività, non può che ritenersi che la disciplina non è retroattiva e, pertanto, non va applicata a contratti stipulati prima della sua data di entrata in vigore, ossia  l'1 gennaio 2005.

 

Il condomino che vende l'appartamento può escludere dal trasferimento della proprietà la quota millesimale dell'area condominiale

La Corte Suprema di Cassazione, VI Sezione Civile, con la sentenza n. 22361, del 26/10/2011, ha statuito che è possibile non cedere la quota millesimale dell'area condominiale quando si vende un immobile ad uso abitativo. Ha precisato, altresì, che le vicende traslative riguardanti i piani o le porzioni di piano di proprietà individuale estendono i loro effetti, secondo il principio "accessorium sequitur principale", alle parti comuni necessarie per la struttura o destinate per la funzione al servizio degli immobili   di proprietà solitaria, ma non anche alle cose legate all'edificio da una mera relazione spaziale, costituenti beni ontologicamente diversi suscettibili di godimento fine a se stesso che si attua in modo indipendente da quello delle unità abitative (nel caso di specie, è stato ritenuto legittimo il mancato trasferimento della quota millesimale di comproprietà dell'area condominiale  scoperta)

 

La notevole estensione della rete stradale non basta ad escludere la responsabilità dell'Anas per cose in custodia

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 21508, del 18/10/2011, ha statuito che in tema di responsabilità di sinistri stradali, il fattore decisivo per l'applicabilità della disciplina ex art. 2051 c.c. deve individuarsi nella possibilità o meno di esercitare un potere di controllo e di vigilanza sui beni demaniali, con la conseguenza che l'impossibilità di siffatto potere non potrebbe ricollegarsi puramente e semplicemente alla notevole estensione del bene ed all'uso generale e diretto da parte dei terzi, da considerarsi meri indici di tale impossibilità, ma all'esito di una complessa indagine condotta dal giudice di merito con riferimento al caso singolo, che tenga in debito conto innanzitutto gli indici suddetti.   


L'azione giudiziale per il recupero delle quote condominiali deve essere proposta nei confronti del reale proprietario dell'unità immobiliare

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 15296, del 12/07/2011, ha statuito che nel caso di azione giudiziale dell'amministratore di condominio, per il recupero della quota di spesa di competenza di un'unità immobiliare di proprietà esclusiva, è passivamente legittimato il vero proprietario di tale unità e non anche chi possa apparire tale, difettando l'operatività del principio dell'apparenza del diritto (la sentenza è da segnalare in quanto ribadisce l'inoperatività del principio dell'apparenza del diritto solo in materia di contenzioso condominiale mentre tale principio continua a trovare applicazione per l'ipotesi non contenziosa del rapporto: Cass. Civ, Sezioni Unite, n. 5035, del 08/04/2002).  

 

Il singolo condomino può impugnare autonomamente in appello la sentenza in cui il condominio è stato parte

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 10717, del 16/05/2011, ha statuito che se è vero che la legittimazione ad appellare deve essere riconosciuta soltanto ai soggetti che siano stati parti del giudizio di primo grado, e che siano soccombenti, deve però tenersi presente in senso contrario, che, configurandosi il condominio come un ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini la sola esistenza dell’amministratore non priva i singoli condomini della facoltà di agire a difesa dei diritti esclusivi e comuni inerenti all’edificio condominiale. Dunque, i condomini devono essere considerati non terzi, ma parti originarie e possono intervenire nel giudizio in cui la difesa dei diritti sulle parti comuni sia stata già assunta dall’amministratore; inoltre, possono ricorrere all'autorità giudiziaria autonomamente, sia nel caso di inerzia dell'amministratore, a norma dell’art. 1105 c.c. applicabile anche al condominio per il rinvio posto dall'art. 1139 c.c., sia allorquando gli altri condomini non intendano agire o resistere in giudizio; possono infine esperire i mezzi di impugnazione necessari ad evitare gli effetti sfavorevoli della pronuncia resa nei confronti dell'amministratore.

 

Chiusura agevolata delle liti pendenti con il fisco per un valore fino a 20.000,00 euro

La manovra correttiva (DL 98/2011) ha previsto la possibilità per i contribuenti di definire il contenzioso pendente davanti alle Commissioni Tributarie o alla Corte di Cassazione, alla data del 1 maggio 2011, pagando somme ridotte entro il 30 novembre 2011. Si possono chiudere tutti gli atti impositivi compresi gli avvisi di accertamento e l'erogazione delle sanzioni. La somma da pagare è di € 150,00 quando il valore della lite è di importo fino ad € 2.000,00 mentre se la stessa ha un valore che supera € 2.000,00 sarà necessario pagare il 10% del valore della lite se c'è un provvisorio esito favorevole al contribuente; il 30% se non c'è stata ancora una pronuncia oppure il 50% se l'esito provvisorio è favorevole all'agenzia. Entro il 30 novembre prossimo dovranno essere versati gli importi dovuti poi, entro il 2 aprile 2012, va presentata la domanda di definizione della lite.

 

La vendita di un immobile destinato ad abitazione, privo del certificato di abitabilità, attribuisce all'acquirente il diritto ad ottenere il risarcimento dei danni per ridotta commerciabilità del bene 

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 17707, del 29/08/2011, ha statuito che la vendita di immobile destinato ad abitazione, privo del certificato di abitabilità, incidendo sull'attitudine del bene compravenduto ad assolvere la sua funzione economico-sociale, si risolve nella mancanza di un requisito giuridico essenziale ai fine del legittimo godimento del bene e della sua commerciabilità e, configurando un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio", legittima l'acquirente a domandare il risarcimento dei danni (oltre alla risoluzione del contratto), per la ridotta commerciabilità del bene.

 

Dimezzati i termini per proporre opposizione avverso i verbali di accertamento di violazione alle norme del codice della strada

Passano da 60 a 30 i giorni i termini per impugnare le multe, comminate ai sensi dell’articolo 204-bis del codice della strada (Cds), secondo quanto previsto dal decreto legislativo recante disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione, ai sensi dell'articolo 54 della legge 18 giugno 2009, n. 69, approvato il 1° settembre scorso, in via definitiva, dal Consiglio dei ministri. Alla luce di tale novità, inoltre, il ricorso andrà proposto nelle forme del rito del lavoro e non più ai sensi degli art. 22 e ss L. 689/81.

 

La proposizione del ricorso avverso il verbale di accertamento di violazione alle norme del codice della strada costituisce giustificato e documentato motivo per omettere la comunicazione delle generalità del conducente

La Circolare del Ministero dell'Interno n. 7157, del 5 settembre 2011, ha statuito che non si configura omissione di collaborazione da parte del cittadino qualora questi non indichi le generalità del conducente ma comunichi all'organo di Polizia di aver proposto ricorso: di per sè ciò costituisce un giustificato e documentato motivo di omissione dell'indicazione dei dati del soggetto che si trovava alla guida del veicolo al momento della violazione.

 

Il compossesso tra il proprietario ed un terzo comporta  l'usucapione della comproprietà da parte di quest'ultimo

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 16914, del 02/08/2011, ha statuito che  su di un immobile di proprietà esclusiva di un soggetto può ben crearsi una situazione di compossesso pro indiviso tra lo stesso soggetto proprietario e un terzo, con il conseguente possibile acquisto, da parte di quest'ultimo, della comproprietà pro indiviso dello stesso bene, una volta trascorso il tempo per l'usucapione, non occorrendo l'esclusione del possesso del proprietario e l'ignoranza dell'esistenza del diritto altrui.

 

I danni derivanti da un incendio di un autoveicolo in sosta devono essere risarciti dall'assicurazione

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 15392, del 13/07/2011, ha statuito che i danni derivanti ad un terzo dall'incendio di un autoveicolo in sosta in un'area pubblica (o equiparata) devono essere risarciti dall'assicurazione, in quanto il concetto di sosta integra quello di circolazione, ai sensi e per gli effetti dell'art. 2054 c.c. e della legge 990/1969 e succ. mod. (d.lgs 209/05).

 

La firma della busta paga, a titolo di quietenza, non preclude al dipendente il diritto di avanzare ulteriori richieste

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 14411, del 30/06/2011, ha statuito che la firma della busta paga a titolo di quietanza, da parte della donna delle pulizie, non priva quest'ultima del diritto ad ulteriori pretese retributive in quanto la sottoscrizione della busta paga non assume valore confessorio.

 

E' legittimo il ricorso ad un'agenzia investigativa, da parte del datore di lavoro, per provare l'illecito extracontrattuale penalmente rilevante del proprio dipendente

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 13789, del 23/06/2011, ha statuito che l’art. 2 dello statuto dei lavoratori, nel limitare la sfera d'intervento delle persone preposte dal datore di lavoro a tutela del patrimonio aziendale, non preclude a quest’ultimo di ricorrere ad agenzie investigative, purché non sconfinino nella vigilanza dell’attività lavorativa vera e propria, riservata dall’art. 3 dello statuto direttamente al datore di lavoro e ai suoi collaboratori. Pertanto, resta giustificato l’intervento in questione non solo per l’avvenuta perpetrazione di illeciti e l’esigenza di verificarne il contenuto, ma anche in ragione del solo sospetto o della mera ipotesi che illeciti siano in corso di esecuzione. Ne consegue che è legittimo il controllo dell'agenzia investigativa quando lo stesso non investe la normale attività lavorativa, ma le prestazioni del dipendente integranti violazioni di obblighi extracontrattuali penalmente rilevanti (omessa registrazione di merce di un addetto alla cassa).

 

E' nulla la multa rilevata con telelaser senza cartello di segnalazione

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 13727, del 22/06/2011, ha statuito che è nulla la multa rilevata con telelaser senza il cartello di segnalazione, in quanto l'obbligo della preventiva segnalazione dell'apparecchio di rilevamento della velocità previsto, in un primo momento, dall'art. 4 del D.L. n. 121 del 2002, conv. nella legge n. 168 del 2002, per i soli dispositivi di controllo remoto senza la presenza diretta dell'operatore di polizia, menzionati nell'art. 201, comma l- bis, lett. f), del codice della strada, è stato successivamente esteso, con l'entrata in vigore dell'art. 3 del D.L. n. 117 del 2007, conv. nella 1. n. 160 del 2007, a tutti i tipi e modalità di controllo effettuati con apparecchi fissi o mobili installati sulla sede stradale, nei quali, perciò, si ricomprendono ora anche gli apparecchi tele laser gestiti direttamente e nella disponibilità degli organi di polizia". 
 

Rivelare l'animo divorzista ad amici e parenti non basta per delibare la sentenza di nullità del matrimonio emessa dal Tribunale Ecclesiastico

La Corte Suprema di Cassazione, I Sezione Civile, con la sentenza n. 13240, del 16/06/2011, ha statuito che, ai fini della delibazione  della sentenza di nullità del matrimonio, emessa dal Tribunale Ecclesiastico, non è sufficiente la circostanza che il partner avesse manifestato a parenti ed amici il suo non credere nell'indissolubilità del matrimonio, in quanto occorre che tale divergenza sia stata manifestata all'altro coniuge ovvero che questi l'abbia effettivamente conosciuta o che non l'abbia conosciuta per propria negligenza, atteso che, ove non ricorra alcuna di tali situazioni, la delibazione trova ostacolo nella contrarietà con l'ordine pubblico italiano, nel cui ambito va ricompreso il principio fondamentale della tutela della buona fede e dell'affidamento incolpevole.
 

Il provvedimento emesso dal giudice della separazione, con cui viene statuito che il genitore non affidatario contribuirà al pagamento delle spese mediche e scolastiche relative ai figli, costituisce titolo esecutivo per il recupero delle relative somme

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 11316, del 23/05/2011, ha statuito che il  provvedimento emesso dal giudice della separazione, con cui viene statuito che il genitore non affidatario contribuirà al pagamento delle spese mediche e scolastiche relative ai figli, costituisce titolo esecutivo per il recupero delle somme non essendo richiesto, nell'ipotesi di non spontanea ottemperanza da parte dell'obbligato e al fine di legittimare l'esecuzione forzata, un ulteriore intervento del giudice, qualora il genitore creditore possa allegare e opportunamente documentare l'effettiva sopravvenienza degli specifici esborsi contemplati dal titolo e la relativa entità. La Corte ha poi precisato che rimane "impregiudicato, beninteso, il diritto dell'altro genitore di contestare - ex post ed in sede di opposizione all'esecuzione, dopo l'intimazione del precetto o l'inizio dell'espropriazione - la sussistenza del diritto di credito per la non riconducibilità degli esborsi a spese necessarie o per violazione delle modalità di individuazione dei bisogni del minore".

 

In materia di comunione la partecipazione alle spese  è stabilita dalla legge (a differenza del condominio) per cui è illegittima ogni statuizione contraria da parte dell'assemblea

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 11264, del 20/05/2011, ha statuito che in ambito condominiale, prima della formazione delle tabelle millesimali, è legittima la determinazione provvisoria delle spese in quanto non esiste un criterio legale o convenzionale per la determinazione stessa. Al contrario, in tema di comunione, in mancanza del titolo la misura della partecipazione è invece stabilita dalla legge nel senso della parità delle quote (articolo 1001 cc), per cui non vi è alcun bisogno di una determinazione provvisoria da parte dell'assemblea: ne consegue che è illegittima ogni statuizione in senso contrario.

 

E' onere del medico provare l'esatto adempimento dell'obbligazione sanitaria

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 11005, del 19/05/2011, ha statuito che in relazione all'obbligo d'informazione ed all'onere della relativa prova, la responsabilità professionale del medico - ove pure egli si limiti alla diagnosi ed all'illustrazione al paziente delle conseguenze della terapia o dell'intervento che ritenga di dover compiere, allo scopo di ottenerne il necessario consenso informato - ha natura contrattuale e non precontrattuale; ne consegue che, a fronte dell'allegazione, da parte del paziente, dell'inadempimento dell'obbligo di informazione, è il medico gravato dell'onere della prova di aver adempiuto tale obbligazione.

 

In materia di condominio l'impugnazione della delibera condominiale deve avvenire con citazione

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza a Sezioni Unite n. 8491, del 14/04/2011, ha statuito che l’art. 1137 c.c. non disciplina la forma delle impugnazioni delle deliberazioni condominiali, che vanno pertanto proposte con citazione, in applicazione della regola dettata dall’art. 163 c.p.c., da notificare entro il termine decadenziale stabilito dalla legge (in ogni caso, l’adozione della forma del ricorso non esclude l’idoneità al raggiungimento dello scopo di costituire il rapporto processuale, che sorge già mediante il tempestivo deposito dell'atto introduttivo in cancelleria).

 

Compatibile con il diritto comunitario la disciplina italiana sugli onorari

La Corte UE, con la sentenza del 29/03/2011, emessa nella causa C-565/08,  ha statuito che la disciplina italiana sugli onorari è compatibile con il diritto comunitario, visto che la sua flessibilità permette il corretto compenso per qualsiasi prestazione. Inoltre, tale disciplina è determinata da ragioni di interesse pubblico, come la tutela dei consumatori, la buona amministrazione della giustizia e la tutela dell’interesse di evitare una concorrenza al ribasso a discapito della qualità della prestazione.

  

L'annullamento del contratto di patrocinio tra avvocato e cliente, causa l'omessa allegazione dell'informativa sulla mediazione, non può essere richiesto dalla controparte processuale, né rilevato d'ufficio dal giudice adito

Il Tribunale di Varese, I Sezione Civile, con ordinanza del  01/03/2011, ha statuito che l'eccezione di annullabilitá del contratto di patrocinio tra avvocato e cliente, causa l'omessa allegazione dell'informativa sulla mediazione di cui all'art. 4 co. 3 D.Lgs 28/2010, può essere sollevata dal solo assistito del professionista che ha omesso di produrre tale documento e non anche dalla controparte processuale, né può essere rilevata d'ufficio dal giudice adito.


Diritto al risarcimento dei danni se il pacco posta celere arriva in ritardo

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 46, del 11/02/2011, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 6 del decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973 n. 156 (Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative in materia postale, di bancoposta e di telecomunicazioni), nella parte in cui dispone che l’Amministrazione ed i concessionari del servizio telegrafico non incontrano alcuna responsabilità per il ritardato recapito delle spedizioni effettuate con il servizio postacelere.

 

Nulla la sentenza emessa dal Giudice di Pace che abbia continuato ad esercitare le proprie funzioni  dopo la scadenza del proprio mandato e nelle more della riconferma nell'incarico

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 4410, del 03/02/2011, ha statuito che il Giudice di Pace, che esercita le funzioni giurisdizionali dopo la scadenza del mandato e nelle more della riconferma, prima della nuova immissione in possesso per l'espletamento del successivo incarico, pone in essere un'attività giurisdizionale in carenza di "potestas iudicandi" che produce la nullita' assoluta del procedimento, la quale si estende alla conseguente sentenza (nel caso di specie il Giudice di Pace adito, durante l'intervallo intercorrente tra la fine del primo quadriennio e l'inizio del secondo, non si era limitato ad un mero differimento dell'udienza, ma aveva provveduto su specifiche istanze istruttorie delle parti).

 

E' risarcibile il danno da lesione del diritto agli affetti familiari

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 2557, del 03/02/2011, ha statuito che la richiesta di risarcimento del danno derivante dall'uccisione di un congiunto attiene all'intangibilità della sfera degli affetti e della reciproca solidarietà nell'ambito della famiglia, nonché all'inviolabilità della libera e piena esplicazione delle attività realizzatrici della persona umana nell'ambito di quella peculiare formazione sociale costituita dalla famiglia, la cui tutela è ricollegabile agli artt. 2, 29 e 30 Cost..Trattasi di interesse protetto, di rilievo costituzionale, non avente natura economica, la cui lesione non apre la via ad un risarcimento ai sensi dell'art. 2043 c.c., nel cui ambito rientrano i danni patrimoniali, ma ad una riparazione ai sensi dell'art. 2059 c.c.(diversa dalla liquidazione del cd danno morale soggettivo).

 

Non è idonea ad escludere la tutela possessoria la convinzione dell'agente di esercitare un proprio diritto

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 2316, del 31/01/2011, ha statuito che, in tema di giudizio possessorio, l'elemento soggettivo che completa i presupposti dell'azione di spoglio risiede nella coscienza e volontà dell'autore di compiere l'atto materiale nel quale si sostanzia lo spoglio, indipendentemente dalla convinzione dell'agente di operare secondo diritto.

 

Non è sufficiente una generica contestazione per escludere l'efficacia  probatoria delle riproduzioni meccaniche

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 2117, del 28/01/2011, ha statuito che in tema di efficacia probatoria delle riproduzioni meccaniche di cui all'art. 2712 cod. civ., il "disconoscimento" che fa perdere alle riproduzioni stesse la loro qualità di prova - e che va distinto dal "mancato riconoscimento", diretto o indiretto, il quale, invece, non esclude che il giudice possa liberamente apprezzare le riproduzioni legittimamente acquisite -, pur non essendo soggetto ai limiti e alle modalità di cui all'art. 214 cod. proc. civ., deve tuttavia essere chiaro, circostanziato ed esplicito, dovendo concretizzarsi nell'allegazione di elementi attestanti la non corrispondenza tra realtà fattuale e realtà riprodotta.


E' preclusa l'attivazione del rimedio dell'ottemperanza con riferimento alle sentenze emesse dal giudice ordinario e prive dell'autorità propria della cosa giudicata

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta, con la sentenza n. 408, del 21/01/2011, ha statuito che, ai sensi dell'art.37 della legge 6 dicembre 1971 n. 1034, per la rituale introduzione del ricorso inteso ad ottenere l'esecuzione di sentenze pronunciate dall'autorità giudiziaria ordinaria è indispensabile l'avvenuto passaggio in giudicato delle stesse, sicché deve ritenersi preclusa la valida attivazione del rimedio dell'ottemperanza con riferimento a sentenze del giudice ordinario esecutive ma prive dell'autorità propria della cosa giudicata (al momento della proposizione del ricorso o, anche, secondo altro orientamento, a quello della sua decisione), a differenza di quanto accade per l'esecuzione delle sentenze del giudice amministrativo (vedi anche: Corte Costituzionale, ordinanza n. 122 del 25 marzo 2005).

 

E' risarcibile il danno biologico e morale "iure hereditatis" anche se il decesso sia intervento a breve distanza di tempo dalla verificazione del sinistro

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 1072, del 18/01/2011, ha statuito che, in caso di lesione che abbia portato a breve distanza di tempo ad esito letale, sussiste in capo alla vittima che abbia percepito lucidamente l'approssimarsi della morte, un danno biologico di natura psichica, la cui entità non dipende dalla durata dell'intervallo tra lesione e morte, bensì dell'intensità della sofferenza provata dalla vittima dell'illecito ed il cui risarcimento può essere reclamato dagli eredi della vittima.

 

E' consentito al giudice di ordinare l'attuazione degli accorgimenti tecnici diretti a far cessare le immissioni che superano la normale tollerabilità

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione VI, con ordinanza n. 887, del 17/01/2011, ha statuito che la domanda di cessazione delle immissioni che superino la normale tollerabilità non vincola necessariamente il giudice ad adottare una misura determinata, ben potendo egli ordinare l'attuazione di quegli accorgimenti che siano concretamente idonei ad eliminare la situazione pregiudizievole.

 

Il giudice ha il diritto di ridurre, con decisione motivata, l'onorario dell'avvocato al di sotto del minimo tariffario quando la causa risulti di facile trattazione

La Corte Suprema di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 564, del 12/01/2011, ha statuito che, in materia di spese giudiziali, il giudice d'appello, ove sia stato investito della cognizione del relativo capo di sentenza, può applicare d'ufficio, senza che ciò comporti una violazione del giudicato o del principio della corrispondenza tra chiesto e pronunciato, tutte le norme di legge che ne regolano la liquidazione, tra le quali va compresa la disposizione di cui all'art. 60, r.d.l. n. 1578 del 1933, che espressamente consente al giudice di ridurre, con decisione motivata, il diritto del difensore all'onorario al di sotto dei minimi tariffari quando la causa risulti di "facile trattazione".

 

L'impresa esecutrice dei lavori di ristrutturazione condominiali, che si sia avvalsa dell'utilizzo d'impalcatura, è obbligata a risarcire i danni determinati da furto in appartamento

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 292, del 10/01/2011, ha statuito che, del furto in appartamento, realizzato da chi vi si sia introdotto attraverso ponteggi installati per lavori di manutenzione risponde, ex art. 2043 cod. civ., l'imprenditore che per tali lavori si sia avvalso delle impalcature, tutte le volte in cui, violando il principio del neminem laedere, egli abbia omesso di dotarle di cautele atte a impedirne l'uso anomalo da parte di terzi, così creando colposamente un agevole accesso ai ladri e ponendo in essere le condizioni del verificarsi del danno subito dai derubati (nello stesso senso: Cass. Civ. 17 marzo 2009, n. 6435; Cass. Civ. 12 aprile 2006, n. 8630; Cass. Civ. 25 novembre 2005, n. 24897).

 

L'incompletezza della cartella clinica determina una presunzione di colpa del medico relativamente all'adempimento dell'obbligazione sanitaria

La Corte Suprema di Cassazione, III Sezione Civile, con la sentenza n. 257, del 07/01/2011, ha statuito che l’incompleta redazione della cartella clinica costituisce di per sé inesatto adempimento dell'obbligazione sanitaria, per difetto di diligenza (fattispecie relativa ad omessa registrazione dei dati relativi all’evolvere di una ferita episiotomica dalla quale potrebbe aver avuto origine l’infezione che ha reso necessario protesizzare il collo del femore).

 

Diritto dell'opponente a ricevere la notifica del decreto di fissazione d'udienza, nel procedimento di opposizione avverso sanzione amministrativa, anche se ha dichiarato la residenza o eletto il domicilio in un Comune diverso da quello in cui ha sede il giudice adito  

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 365, del 22/12/2010, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 22 quarto e quinto comma della Legge 24 novembre 1981 n. 689 nella parte in cui non prevede, a richiesta dell’opponente, che abbia dichiarato la residenza o eletto domicilio in un comune diverso da quello dove ha sede il giudice adito, modi di notificazione ammessi a questo fine dalle norme statali vigenti, alternativi al deposito presso la cancelleria (fax o e-mail).

 

In caso di mutazione della residenza, il termine per la notifica del verbale di contestazione decorre dall'annotazione all'anagrafe del cambio di residenza del trasgressore e non dalla relativa annotazione al PRA

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza a Sezioni Unite n. 24851, del 09/12/2010, ha statuito che, in tema di violazioni del codice della strada, il "dies a quo" del termine di 150 giorni (ora 90 giorni) per la notifica del verbale di contestazione dell'infrazione, nel caso in cui il destinatario abbia mutato residenza provvedendo a far ritualmente annotare la relativa variazione (con l'indicazione dei dati relativi ai veicoli di appartenenza) soltanto negli atti dello stato civile e non anche nel Pubblico Registro Automobilistico, decorre dalla data di annotazione della variazione di residenza negli atti dello stato civile, a nulla rilevando che l'interessato non abbia provveduto a far annotare la variazione anche nel Pubblico Registro Automobilistico. Ne consegue che deve ritenersi intempestiva la notifica del predetto verbale quando siano trascorsi più di 150 giorni dalla annotazione all'anagrafe del cambio di residenza del trasgressore (corredata dell'indicazione dei dati relativi ai veicoli di appartenenza), ma meno di 150 dalla relativa annotazione nel P.R.A. o nell'Archivio Nazionale Veicoli.

 

Obbligo di riproporre in appello le questioni e/o eccezioni assorbite o superate dal giudice di primo grado

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 14086, del 11/06/2010, ha statuito che la parte pienamente vittoriosa nel merito in primo grado non ha l'onere di proporre, in ipotesi di gravame formulato dal soccombente, appello incidentale per richiamare in discussione le eccezioni e le questioni che risultino superate o assorbite, difettando di interesse al riguardo, ma è soltanto tenuta a riproporle espressamente nel nuovo giudizio in modo chiaro e preciso, tale da manifestare in forma non equivoca la sua volontà di chiederne il riesame, al fine di evitare la presunzione di rinuncia derivante da un comportamento omissivo, ai sensi dell'art. 346 c.p.c..

 

Valida la notifica a mezzo del servizio postale qualora la sottoscrizione del piego, da parte del consegnatario, sia illeggibile

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza a Sezioni Unite n. 9962, del 27/04/2010, ha statuito che la notifica a mezzo del servizio postale è valida qualora la sottoscrizione del piego, da parte del consegnatario, rechi una firma illeggibile.

 

Rito "ordinario" applicabile nel giudizio di appello avverso le sentenza che decidono in materia di opposizione avverso sanzioni amministrative

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza a Sezioni Unite n. 23594, del 22/11/2010, nonché n. 23286 e n. 23285, del 18/11/2010, ha statuito che, nel giudizio di appello avverso le sentenze che decidono in materia di opposizione avverso sanzioni amministrative, vanno osservate, in quanto applicabili e nei limiti della compatibilità, le norme ordinarie che disciplinano lo svolgimento di quello di primo grado davanti al tribunale”, come dispone l’art. 359 c.p.c.. Da tale premessa, consegue che il procedimento di gravame deve essere introdotto con citazione e non con ricorso, che sussiste l'obbligo di difesa tecnica in appello non prevista per il giudizio di primo grado e che, ai fini dell'individuazione del giudice del gravame territorialmente competente, non trova applicazione la regola del cd foro erariale.

 

Obbligo di riproporre in appello le questioni e/o eccezioni assorbite o superate dal giudice di primo grado

La Corte Suprema di Cassazione, II Sezione Civile, con la sentenza n. 14086, del 11/06/2010, ha statuito che la parte pienamente vittoriosa nel merito in primo grado non ha l'onere di proporre, in ipotesi di gravame formulato dal soccombente, appello incidentale per richiamare in discussione le eccezioni e le questioni che risultino superate o assorbite, difettando di interesse al riguardo, ma è soltanto tenuta a riproporle espressamente nel nuovo giudizio in modo chiaro e preciso, tale da manifestare in forma non equivoca la sua volontà di chiederne il riesame, al fine di evitare la presunzione di rinuncia derivante da un comportamento omissivo, ai sensi dell'art. 346 c.p.c..

 

Foro del consumatore applicabile alle controversie relative a risarcimento danni derivanti da trauma da tuffo in piscina

Il Tribunale Civile di Nola, con ordinanza emessa nel procedimento recante r.g.: 9229/09, ha statuito che la competenza territoriale esclusiva del c.d. foro del consumatore (residenza o domicilio elettivo del consumatore, ex art. 1469 bis n. 19 c.c. o in base all’art. 33, lett. U del codice del consumo) trova applicazione anche nelle controversie proposte dal campeggiatore nei confronti del titolare della struttura turistica munita di piscina e dirette ad ottenere il risarcimento dei danni derivanti da trauma da tuffo in piscina.

 

Divieto di voto in assemblea per il condomino che versa in conflitto d'interessi

Il Tribunale Civile di Nola, con la sentenza n. 326, del 04/02/2010, ha statuito che il diritto di voto non può essere esercitato dal condomino che, in una deliberazione assembleare, abbia un interesse proprio in conflitto con quello del condominio (deliberazione avente ad oggetto la conferma nell'incarico di un amministratore-condomino). La suddetta sentenza, inoltre, ha affermato il principio secondo cui tale conflitto sussiste anche relativamente alle deleghe di cui detto condomino sia portatore in assemblea.
 

Installabili in corrispondenza delle intersezioni stradali gli impianti di segnaletica urbana direzionale

Il Tar Campania Napoli, con sentenza n. 5814, del 16/10/2009, ha statuito che gli impianti di segnaletica urbana direzionale, disciplinati dall'art. 39 del D.Lgs 285/92 e dall'art. 134 del D.P.R. 495/92, sono installabili di norma in corrispondenza delle intersezioni stradali, non sussistendo per gli stessi le preclusioni previste dall'art. 23 del codice della strada, in quanto tali manufatti non sono finalizzati a pubblicizzare attività commerciali ma servono ad apprestare un servizio agli utenti della strada, permettendo a quest'ultimi di individuare l'esatta localizzazione di un insediamento che operi nel settore commerciale, industriale o artigianale, al fine di poterlo raggiungere con maggiore facilità.

 

Competenza esclusiva del Comune con popolazione superiore a 10.000 abitanti per il rilascio delle autorizzazioni per l'installazione di cartelli pubblicitari all'interno del centro abitato.

Il Tar Campania Napoli, con sentenza n. 6888, del 10/05/2007, ha statuito che nei Comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti la competenza per il rilascio delle autorizzazioni, per l'installazione di cartelli pubblicitari all'interno del centro abitato, appartiene all'ente comunale, non residuando alcun potere in ordine al rilascio di detto provvedimento o del nulla osta tecnico in capo al diverso ente proprietario della strada (nel caso di specie Amministrazione provinciale).
 

L'obbligo della notificazione degli atti processuali all'Avvocatura dello Stato non trova applicazione nei giudizi di opposizione avverso le sanzioni amministrative

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza a Sezioni Unite n. 599, del 24/08/1999, ha statuito che il ricorso ed il decreto di fissazione d'udienza, di un giudizio di opposizione avverso sanzione amministrativa, devono essere notificati direttamente all'autorità (opposta) che ha emesso il provvedimento impugnato - allorquando detta autorità sia un'amministrazione dello Stato - e non devono essere notificati presso l'Avvocatura dello Stato, in quanto l'art. 23 L. 689/1981 detta una disciplina di deroga rispetto al primo comma dell'art. 11 del R.D. n. 1611 del 1933 (obbligo di notifica all'Avvocatura dello Stato degli atti introduttivi del giudizio contro le amministrazioni dello Stato). Inoltre, allorquando l'autorità opposta sia rimasta contumace ovvero si sia costituita personalmente (o tramite funzionario delegato), sussiste una deroga anche al secondo comma del suddetto art. 11, che prevede la notificazione degli altri atti giudiziari e delle sentenze sempre presso la stessa Avvocatura. Ne consegue che la notificazione della sentenza che chiude il giudizio di opposizione, ai fini del decorso del termine breve per l'impugnazione, deve essere effettuata alla stessa autorità opposta e non presso l'ufficio dell'Avvocatura Distrettuale dello Stato.

 

STUDIO LEGALE MARANO

AVV. GERARDO MARANO

C.F.: MRNGRD74A24L219N - P.IVA: 04421771215

Corso Umberto I n. 543 - 80034 Marigliano (Na) Telefax: 0818416329

e-mail: gerardo.marano@inwind.it - pec: gerardo.marano@pecavvocatinola.it